Babbo Natale incontra i bambini di tutto il mondo – Valentina Camerini

Ti piace? Condividilo!
In sintesi:

babbo natale incontra i bambini di tutto il mondo libro per bambini di valentina camerini edito da gribaudo

Era un giorno speciale, quello. Terribilmente importante.
«Avete stretto ogni vite della slitta?» chiese Babbo Natale.
«Con grande attenzione.»
«Gli zoccoli delle renne sono stati lucidati?»
«Tutti, a dovere!»
«Andiamo!» disse allora Babbo Natale, deciso.

La festa più bella

Per i più piccoli (ma anche per molti grandi!) il Natale è la festa più bella e attesa dell’anno: il cenone, l’allestimento del presepe, l’addobbo della casa, i giochi in famiglia e, naturalmente, la trepidante attesa dell’arrivo di Babbo Natale e dei suoi favolosi doni.

Il mito dell’uomo buono e vecchio, vestito di rosso, che vive al Polo Nord e possiede una magica fabbrica di giocattoli, affascina ormai da tempo i bimbi di ogni angolo della Terra.
E proprio loro, i bambini, sono i protagonisti di Babbo Natale incontra i bambini di tutto il mondo, la nuova dolcissima raccolta di racconti scritta da Valentina Camerini.

Sono diciannove brevi storie, ciascuna ambientata in un posto particolare: dalla gelida Svezia al caldo Messico, dalla familiare Italia all’esotico Giappone. E poi ancora la Turchia, gli Stati Uniti e perfino la Malesia, con i suoi cattivissimi pirati. Ovunque ci sia il desiderio di condividere gli affetti, di un abbraccio, di una giornata trascorsa in famiglia, Babbo Natale arriva e ci mette il suo zampino per rendere tutto ancora più magico.

Il miracolo della sensibilità

Ma appunto, è semplicemente uno “zampino”. Nelle storie, i veri miracoli di Natale spesso non sono compiuti dal paffuto uomo magico, bensì dai bambini stessi o da persone qualunque, dotate però di grande sensibilità: tutti quanti, alla fine, sono poi in qualche modo ripagati della loro nobiltà d’animo.
Consideriamo ad esempio la generosità della piccola Anele, una bambina keniota. In occasione del Natale chiede come dono una scatola di mattoncini da costruzione: le serviranno per aggiustare il cestino della bicicletta del suo papà, per rendere meno traballante il tavolo su cui la mamma può finalmente poggiare con sicurezza le pietanze, per sostituire il naso smarrito del peluche preferito di suo fratello, e perfino per realizzare una bella collana con la quale rendere felice la nonna. E…

Alla fine della giornata, Anele era orgogliosa di quel che aveva fatto. La sua scatola di mattoncini era quasi vuota, le rimanevano solo pochi pezzi, ma in famiglia erano tutti felici.

Di fronte a tanta gentilezza d’animo, Babbo Natale decide di premiare la piccola Anele, con una nuova confezione di mattoncini.

Brilla per la sua generosità anche Hachiro, il bambino giapponese che per Natale non chiede niente per sé, domandandosi piuttosto quale regalo possa desiderare Babbo Natale, sempre impegnato a rendere felici tutti:

Per prima cosa, Hachiro pensò: “Che cosa potrebbe piacere a Babbo Natale?”. Sicuramente nel suo sacco magico c’era un po’ di tutto, difficile immaginare che avesse bisogno di qualcosa. “Potrebbero fargli piacere dei nuovi campanelli per le renne?” si domandò. O forse un paio di pantofole di lana, rosse? Le notti di gennaio dovevano essere davvero gelide, lassù al polo! Nessuna idea sembrava quella giusta. Fare un regalo al massimo esperto mondiale di doni era davvero un’impresa impossibile.

Cuori ammorbiditi
babbo natale incontra i bambini di tutto il mondo libro per bambini di valentina camerini edito da gribaudo

Non sentite anche voi il gelo russo? C’è bisogno di un po’ di calore natalizio!

Ma chi crede che in questa raccolta ci sia spazio solo per i bambini si sbaglia: di alcune storie i protagonisti sono proprio gli adulti, il cui cuore indurito dalle asperità della “vita dei grandi” si ammorbidisce grazie a un disinteressato atto di tenerezza. È quanto accade all’imperatore cinese, che scopre il vero significato del Natale solo quando impara a condividere le proprie ricchezze, e al gran maharaja, il cui aiuto offerto a un anziano e povero viandante (in realtà Babbo Natale sotto mentite spoglie) lo strappa alla profonda solitudine in cui era immerso nella vita a palazzo.

Queste storie piene d’amore, che dichiarano guerra alla tristezza, sono sapientemente illustrate da Giulia Quagli. Il suo tratto essenziale si rivela sorprendentemente duttile, capace di adattarsi alle vicende di ogni racconto. L’artista rivolge una particolare attenzione ai colori: sempre molto vividi, richiamano con efficacia i vari luoghi in cui si svolgono le storie narrate. Gelide sono dunque le immagini del Natale in Russia, mentre sono caratterizzate da colori cromati le scene in Kenya, in India, in Cina. È poi bellissima la varietà di colori usata per il racconto Il sacco magico.

Il colore del Natale
babbo natale incontra i bambini di tutto il mondo libro per bambini di valentina camerini edito da gribaudo

Ecco i simpatici canguri dell’outback. Da notare il tenero vecchietto in basso a destra…

In questa storia, il sacco magico da cui Babbo Natale estrae i doni per i bambini di tutto il mondo si rompe, rovesciando il proprio contenuto per tutta la prateria australiana. L’alba è imminente, e senza aiuto Babbo Natale non farebbe in tempo a recuperare i regali e a consegnarli ai bambini prima che la notte finisca. Fortunatamente arriva in soccorso un gruppo di canguri, i quali infilano i vari doni nel loro marsupio e aiutano così Babbo Natale a portare a termine l’opera.
Per raccontare questa avventura, Giulia Quagli usa colori caldi e terrosi, chiaramente evocativi dell’arido outback australiano e del manto dei canguri; ma usa anche una bella scala di blu scuri per realizzare il cielo notturno costellato di pallide stelle gialle. Il tutto è poi rischiarato dalla rosata luce dell’alba, che lambisce i corpi dei simpatici marsupiali.

Babbo Natale incontra i bambini di tutto il mondo è dunque una tenera raccolta in cui la generosità, l’altruismo, ma soprattutto il calore famigliare, sono gli indiscussi protagonisti. E si tratta di un libro perfetto da leggere in compagnia, grazie alle numerose illustrazioni che rendono facilmente partecipi i bimbi; forse, però, trova la sua vera ragion d’essere nel proporsi come piccolo regalo da mandare a qualche nipotino lontano, per offrirgli un caldo abbraccio in forma di libro.

Fate i buoni, quindi, ché Babbo Natale passerà anche da voi! E buona lettura!

Sara

Ciao! Sono la fondatrice del blog letterario "Il pesciolino d'argento", amo profondamente i libri, l'arte e la cultura in generale.

Potrebbero interessarti anche...

Che cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *